Maria, Madre di Dio

24 12 2008

Nel rosso del fiume che bordeggia
il versante tenue del mattino,
viaggia Iddio, come viaggia nella campana
allorché la brezza soave la fa volteggiare.

Un belato terrestre ti circonda
col tenue calore di tiepida lana,
e dal tuo seno il dolce latte sgorga
con sapore di luna e miele ebreo.

Cammini abbellita di stelle, fino al sogno,
fino al segreto flebile della brezza,
ed è più silente il pino, più tardo il bue.

Stanotte è più ridente Venere,
e tu porti il Dio del sorriso
appeso alla vita come un fiore.

(N. Himiob, María encinta de Dios)

Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: